Dagli al runner

Arrivato al punto in cui i giorni di quarantena non riesco neanche a contarli ormai, ho ripreso in mano Strava per fare un punto della situazione.

Ho corso i miei ultimi 7km lo scorso 16 febbraio. Più di due mesi ormai. Non era mai successo da quando ho iniziato a correre. È surreale, se ci penso. Di fatto dovrò ricominciare da zero.

La cyclette aiuta a mantenersi attivi a livello mentale ma non offre purtroppo l’opportunità di fare uno sforzo anche solo confrontabile con la corsa. L’allenamento a corpo libero può essere molto intenso ma personalmente mi annoia. Non riesco a essere continuo. Mi sto facendo aiutare in questo dal mio amico Leo, che mi sprona in diretta Zoom ogni due giorni, facendomi sudare e rivoltandomi come un calzino. Ma non sarà mai la stessa cosa. Non sarà mai come correre.

Ecco allora che questa prospettiva che ci viene data, con una probabile riapertura per il 4 maggio, diventa speranza di una ripartenza che ormai è necessaria. Chi corre per stare meglio, come me, dopo uno stop di due mesi è al limite. Pur comprendendo che lo scenario attuale impone riflessioni, vincoli, divieti, inizia a stare stretta la mancanza di libertà personale nel fare sport a livello individuale.

Si è aperto un dibattito davvero violento sul tema. Io spero che la rabbia verso chi corre fosse solo un’errata modalità per esprimere frustrazione dovuta a situazioni mai provate prima. Avrei potuto anche comprenderlo, non fosse stato per alcune situazioni davvero al limite in termini di veemenza e mancanza di rispetto.
Io, nel mio piccolo, con il senso di responsabilità di chi ha deciso un giorno di creare una community legata al running, mi sono subito schierato per il non correre. Non voglio ripetermi, ho già avuto modo di dire che semplicemente c’erano in ballo cose troppo più importanti per poter anche solo pensare di cedere a un capriccio.

Non possiamo però accettare che i runner vengano additati come demoni. Chi come me è portatore sano di corsa e sta alla larga da ogni fondamentalismo, ha il diritto di correre nel rispetto delle regole e di essere rispettato in quando persona che vuole prendersi cura di sé.
Attenzione quindi a giudicare chi corre. Restare umani vale sia per la scelta di non correre per rispetto di chi lotta là fuori contro quel nemico invisibile che è il coronavirus, sia per chi – con consapevolezza e massimo rispetto delle regole – vorrà tornare a mantenersi attivo e in forma, alleggerendo l’anima dai pensieri.

Perché, per chi non lo sapesse, è questo che fa la corsa anche e soprattutto per gli amatori: alleggerisce corpo e anima, pancia e cervello. Con buona pace di chi continuerà a preferire il divano.