ASICS Ekiden 2020

Tempo di lockdown, ancora tempo di gare virtuali. Ero alla ricerca di nuovi stimoli nell’ultimo periodo, anche semplici, per tenere viva la passione in un momento storico complicato. E devo dire che la “chiamata” di Asics per l’evento #AsicsWorldEkiden2020 è cascata proprio a fagiolo. Non solo perché Asics è un marchio importante e che mi ha accompagnato in una parte fondamentale del mio percorso (le Nimbus, che oggi custodisco nei memorabilia del mio viaggio, mi hanno accompagnato al traguardo della mia prima mezza, a Brescia), ma anche perché l’evento ha proprio l’obiettivo di motivare e unire le persone in uno scenario mondiale senza precedenti. Un segno del destino, dunque.

Nuove e vecchie Nimbus a confronto :).

Una ricerca globale condotta dalla stessa Asics rivela che il 42% delle persone che si allenano regolarmente a livello globale hanno difficoltà a rimanere motivati, in quanto non hanno un obiettivo da perseguire al momento. Suona familiare? Ebbene sì, ci siamo dentro tutti. Per questo l’idea di questa staffetta virtuale nella quale coinvolgere altre 5 persone – per formare una squadra – mi ha convinto da subito. Ho deciso quindi di mettermi in gioco e invitare 5 amici di diversa provenienza con i quali, senza nessuna velleità su tempi e performance, coprire in 6 segmenti la distanza di una maratona.

Come ogni capitano che si rispetti sono stato il primo e ho aperto le danze oggi con i primi 5 km. Seguiranno i miei compagni, che dovranno correre entro il 22/11 per completare la distanza totale.

Nonostante qualche acciacco, ho dato il massimo e mi sono messo in gioco perché insomma, come detto, ne avevo bisogno.

Non resta a questo punto che aspettare di vedere come la squadra compirà questa missione per poi pensare alla prossima sfida.

Tra bilanci e prossimi obiettivi

Dopo aver corso due mezze maratone in due mesi (ormai ne parlo come se fosse normale, ma chi conosce il mio percorso sa che non è così visto che 12 mesi fa stavo iniziando a camminare e avevo ancora 33 kg da perdere) è nuovamente tempo di bilanci. E di nuovi obiettivi.

Sì perché, complice il meteo incerto dell’ultimo mese, la primavere sembra ancora non essere arrivata e in realtà presto sarà estate.

Qui lo dico e qui lo nego: ho in mente la maratona. Non come obiettivo, si tratta ancora di sogno, ma sto iniziando a pensare se possa valer la pena mettere in cantiere l’inizio della preparazione alla fine dell’estate. Non sono un runner da caldo, questo è certo. Sento molta più fatica anche solo con 5 gradi in più, inutile quindi pensare di poter allungare le distanze nei prossimi mesi se già sui 10 km rischio il collasso.

Quest’estate cercherò di lavorare sulla massa muscolare e sulla velocità. Lo sto già facendo, in realtà, sperimentando il fartlek. Devo dire che si tratta di un metodo affascinante poiché lascia molta libertà nella gestione dell’allenamento, e permette di rendere tutto più divertente. È fondamentale variare il ritmo se si vuole lavorare sui tempi.

Nel futuro prossimo invece, domenica 19 sarò alla Polimirun 2019 per provare a fare del mio meglio sui 10km. Se, come pare, il caldo non sarà ancora dei nostri proverò ad inseguire il PB cercando di abbattere il tempo della StraMilano. Vediamo.
Ho da poco risolto un piccolo fastidio al piede sinistro e devo capire se è scomparso del tutto o no.

Nel frattempo monitoro il calendario per fissare una bella mezza alla fine di settembre, sperando che il fresco in quel periodo mi permetta di migliorare sul tempo di Brescia.

runner extralarge

La prima mezza: alea iacta est

Ebbene eccoci qui. Dopo tanti proclami ho deciso davvero dove per la prima volta mi misurerò con la distanza di 21,0975 km.
Distanza che rispetto e alla quale mostrerò fino all’ultimo un rispetto reverenziale profondo. Per ora non ci sono arrivato. Ho corso solo 14 km in totale, in questo periodo di allenamento intenso.

Ho scelto di correre in una città non troppo distante da dove vivo, per fare in modo che la mia famiglia possa accompagnarmi senza viaggi impegnativi. Si resta in Lombardia, dunque.
Ho scelto di correre in una città dove è nato e cresciuto un artista al quale sono molto affezionato e che tanto mi ha regalato, in musica, nella sua carriera. La città di Omar Pedrini e dei Timoria.
Ho scelto di correre nella “Leonessa d’Italia”, come la definì il Carducci.

Correrò la mezza alla Brescia Art Marathon 2019. Succederà il 10 Marzo, se tutto va come deve andare.

Mi sto preparando duramente per farlo. Come guida mi sono liberamente ispirato alle indicazioni fornite da un articolo di RunLovers.
“Liberamente” poiché per seguirla al 100% avrei bisogno di due vite, ma siccome ne ho solo una (come tutti) ho cercato di tararmi sull’obiettivo di arrivare a correre 40 km a settimana, tenendo come base 3 allenamenti settimanali. Ho accantonato per ora il potenziamento muscolare mantenendo solo la corsa, con l’obiettivo di macinare chilometri.

In questo momento a due allenamenti da 10 aggiungo sempre il lungo del fine settimana, che per ora è arrivato a 14.
Cercherò di arrivare a correre i 18 prima del giorno della mezza, quando con ogni probabilità correrò quella distanza per la prima volta.

Ho iniziato a correre in luglio 2018, sono orgoglioso di ciò che sto facendo e consapevole di essermi dato un obiettivo comunque ambizioso.
Sono carico e curioso di mettermi alla prova.

@runnerextralarge